Kurgannik: descrizione, habitat, fatti interessanti

Il kurgannik è un rapace, le dimensioni di un adulto raggiungono i 65 centimetri, la larghezza dell'apertura alare è di 160 centimetri e il suo peso può raggiungere i 1800 grammi. Di regola, la femmina supera nella sua taglia il maschio in lunghezza e il contorno delle ali. Questo uccello è simile ad un'aquila, ha un modello di coda allungato e gambe lunghe.

Le peculiarità di questo uccello comprendono varie tonalità dominanti di piumaggio: per questo motivo, alcuni rappresentanti del kurgannik sono classificati come varietà leggere e altri come scuri.

Il kurgannik leggero si distingue per una sfumatura rossastra-ocra di piumaggio, la sua testa è più chiara di tono rispetto alla schiena o al petto, e il suo addome e i suoi fianchi, al contrario, sono più scuri. La coda dell'uccello ha un leggero piumaggio di colore rossastro, non ci sono strisce trasversali su di esso. Nella parte inferiore delle sue ali si distingue chiaramente una grande macchia bianca, costituita da una serie di penne di volo.

Puoi trovare anche questi uccelli, i cui colori sono dominati da colori scuri - la tonalità nero-marrone gioca un ruolo decisivo nella colorazione delle loro penne. Nella parte inferiore delle ali di tali kurgans, si trovano piume di un colore chiaro, un bordo scuro attaccato al bordo lungo il bordo dell'ala dà loro contrasto. Anche le piume leggere costituiscono la coda di questo uccello, in più è decorato con strisce scure disposte trasversalmente. Al volo, il kurgannik scuro è facilmente confuso con uno zemnyak o addirittura con una poiana, ma è dato dai caratteristici contorni del corpo e dall'assenza di un punto con una configurazione semi-lunare sul petto.

I giovani individui sono facilmente distinguibili dagli adulti da un piumaggio più leggero, non c'è alcuna sfumatura rossa nella loro colorazione, l'addome ha un piumaggio luminoso, la coda è decorata con piccole strisce, non ci sono punti caratteristici e bordi sulle ali. Nella parte superiore delle ali, i giovani individui hanno punti chiari che ricordano la colorazione delle poiane invernali.

Caratteristiche distintive che caratterizzano la nutrizione del kurgannik

La maggior parte dei kraniani preferisce mangiare piccoli mammiferi, topi di campagna, criceti ben nutriti, gorilla spericolata, vari ricci e perfino lepri piccole diventano vittime comuni. Inoltre, possono cacciare vari rettili, anfibi onnipresenti e persino alcuni insetti, come le cavallette.

In inverno, quando il numero di prede diminuisce notevolmente, questi uccelli non disdegnano nemmeno le carogne, riempiendo la quantità mancante nella dieta. Questi uccelli preferiscono cacciare dal cielo, sorpassando la loro preda con l'aiuto di un luccio improvviso. In caso di miss, possono continuare la loro ricerca a terra.

Habitat di uccelli

Il kurgannik è un uccello ampiamente diffuso, può essere trovato in Nord Africa, nel territorio della Grecia, nelle regioni desertiche della Turchia, nelle steppe e nelle regioni steppiche della steppa, tra le aree del Mar Nero e il Caucaso, nella parte occidentale della Mongolia e nei deserti dell'Arabia penisola.

Gli abitanti di tumuli che vivono in zone con condizioni climatiche moderate effettuano voli stagionali verso regioni più meridionali in inverno, preferiscono regioni semi-desertiche situate nel continente africano, che si trovano a sud del Sahara. Inoltre, questi uccelli vengono inviati per lo svernamento nelle regioni settentrionali dell'India. Sulla via del ritorno, vanno con l'inizio della primavera, ma non tutti i rappresentanti di questa specie hanno bisogno di voli stagionali.

Per i loro insediamenti, Kurganniki può selezionare sia le catene montuose che le pianure distese di steppe, così come i semi-deserti. Non ci sono eccezioni nemmeno nelle aree desertiche, se c'è abbastanza cibo per il cibo. Sul territorio dei Balcani, questi uccelli fanno i loro nidi nelle foreste, tra le aree montuose situate a media quota. Per una vita confortevole, i rappresentanti di questa specie hanno bisogno di aree aperte per la caccia di successo e angoli appartati dove possono costruire i loro nidi. Puoi incontrare questi cacciatori ad altezze che raggiungono i 2.700 metri rispetto al livello del mare.

Molto spesso, la scelta di Kurgannik si ferma in spazi aperti di terra, dove può facilmente ottenere la sua preda. Organizza i suoi nidi sulle sporgenze dei dirupi, le pendici dei burroni, sebbene possa usare facilmente pali della potenza o varie torri per questo scopo. In caso di necessità l'uccello può fare un nido anche a terra.

La popolazione di uccelli di questa specie è costantemente in una posizione mutevole, sul territorio della Federazione Russa, ad esempio, c'è una tendenza a diminuire di numeri, per questo motivo è elencata nel Libro Rosso.

Differenze di genere negli uccelli

La femmina kurgannik, a differenza del maschio, ha dimensioni più grandi. La taglia del maschio è circa il 20% più piccola di quella della femmina. Solo questa caratteristica serve come caratteristica distintiva del dimorfismo sessuale in questi uccelli. Dopotutto, non esiste alcuna differenza espressa nel colore del loro piumaggio.

annidamento

Il cacciatore di steppe ama fare nidi abbastanza grandi, in una sezione trasversale tale nido può raggiungere 1 metro e le stesse dimensioni in altezza. Per la costruzione del suo nido, il kurgannik utilizza rami che sono diversi per lunghezza e spessore. Gli uccelli continuano a utilizzare il loro nido per diversi anni, a causa del quale aumenta di dimensioni ogni anno. Usano paglia secca, letame secco, pezzi di lana e vari stracci come biancheria da letto.

posteri dedurre

All'inizio di aprile, la femmina depone le uova, la sua frizione può consistere di 2 a 5 uova. Le uova sono di colore biancastro, mimetizzate con granelli marrone di varie dimensioni. Il periodo di incubazione per le uova di Kurgan è di 35 giorni, alla fine di esso, approssimativamente a maggio o all'inizio di giugno, compaiono pulcini. Saranno pronti per una vita indipendente dopo 6 settimane.

Video: kurgannik (Buteo rufinus)

Guarda il video: I 10 animali che sono tornati dall'estinzione (Settembre 2019).